Seguici anche su Facebook Seguici anche su Twitter

TUNISIA DEL NORD

Guarda le Maisons de Charme di quest'area >>

 
Tunisi


Ha conservato i vicoli della Medina, luogo privilegiato per il commercio e la creatività dell’artigianato locale. Nel cuore della Medina, si erge la grande moschea Zitouna che ha per lungo tempo contribuito alla crescita religiosa e culturale della città.
L’atmosfera della capitale è frenetica, colorata, vivace come è normale che sia nel Mediterraneo. Tra i luoghi da non perdere il “Marché Central”, ristrutturato di recente grazie ad un progetto che ha coinvolto anche la Francia: un angolo di storia, che vive del fascino e della frenesia di sempre; dove la gente comunica, tratta, propone con una straordinaria vivacità e coinvolgimento.


Cartagine



Stimola la curiosità per l'importanza degli eventi storici che evoca. I romani l'avevano rasa al suolo, ma la Nuova Città punica della regina Didone è sopravvissuta con le sue leggende.
 


Sidi-Bou-Saïd



A pochi km da Tunisi, sottoposto a vincolo conservativo, c'è il villaggio meglio conservato di tutto il litorale mediterraneo: i muri bianchi delle sue case sono coperti da bouganvillee di tutti i colori, e dai gelsomini dal profumo intenso ed unico. Spiccano i magnifici portali damascati con borchie nere e colorati di azzurro così come le finestre e le porte interne. Ai piani superiori delle case sporgono graziose verande in legno lavorato, che proteggono dal sole ed un tempo consentivano alle donne di osservare il mondo esterno senza essere viste. La via principale porta dritto al celebre Café des Nattes che serve un ottimo tè alla menta con pinoli.
Solo soggiornando in una Maison de Charme di Sidi Bou Said, si può condividere la sensazione unica che ha spinto personaggi famosi a soggiornare in questo piccolo paradiso.



La Marsa

 


Una stazione balneare poco distante dalla capitale con un lungomare animato, ritrovo della gente del luogo tutto l'anno. Sul lungomare si affacciano ville in stile coloniale e numerosi ristoranti che servono dell’ottimo pesce.
Si estente tra la collina di Sidi Bou Saïd e le scogliere di Cap Gammarth. Qui si trovano le residenze di molti Ambasciatori, e molte gallerie d'arte e negozietti di tendenza.



La Goulette

 


Una parte della Goulette parla di Italia, e non solo perché qui è nata Claudia Cardinale. Piuttosto perche qui è cresciuta una delle comunità italiane più numerose sulle rive del Mediterraneo, animata e vivace soprattutto tra il IX e il XX secolo. Identificata a suo tempo come “la piccola Sicilia”, ed abitata prevalentemente da pescatori di lontane origini siciliane, conserva ancora le testimonianze del suo passato negli edifici coloniali, al centro di un ampio progetto di riqualificazione. Ottimi i ristorantini che servono specialità di pesce freschissimo.



Tabarka e dintorni


Piccolo porto di pesca rinomato per il corallo e l'industria del sughero. Sta conoscendo un nuovo sviluppo, quello legato al turismo, annidata su un litorale dove si alternano grandi picchi rocciosi  (les Aiguilles) e lunghe spiagge di sabbia fine. Ha conservato numerose vestigia fenicie e romane. Alle spalle di Tabarka il forte genovese, è testimone del suo passato ligure. Il
percorso di Golf è uno dei più affascinanti del paese. Immergendosi nei fondali marini protetti è possibile ammirare le piccole porcellane attaccate alle pareti fiorite di gorgonie e popolate da aragoste, branzini e cernie. Nell'intimità della sua basilica ospita ogni estate il festival del jazz.
La stazione termale di Hamma Bourguiba cura sin dall'antichità le affezioni respiratorie.
La piccola città montana di Aïn Draham è meta estiva per la freschezza del sottobosco. 500 km di piste tracciate per la scoperta dell'entroterra a piedi, a cavallo o in bicicletta.

 
 


Biserta e dintorni


Ubicata tra mare e lago, conserva i resti di una storia tumultuosa sin dai tempi dei Fenici.
A Testour tutti gli anni viene celebrato il Festival del Malouf, la musica introdotta dagli andalusi.
Il lago di Ichkeul mostra le sue ricchezze naturali, patrimonio mondiale dell'UNESCO.



Nabeul


L'antica Neapolis si distingue in primo luogo come capitale della ceramica. A Nabeul bisogna venire in primavera, quando l'aria è impregnata del profumo dei fiori d'arancio.




Hammamet
 


Il suo nome deriva da hammam, bagno. Numerose sono state nel tempo le vittime del suo incanto.
In estate, nel teatro costruito di fronte al mare si esibiscono artisti di fama internazionale. Oggi Hammamet, è la zona più turistica del Paese, con la maggior concentrazione di hotels e divertimenti.



La Via dell’Aqua nell’Africa Romana


La Via dell’Aqua era un imponente prodotto di ingegno e ingegneria romani, un sistema di rifornimento idrico e un grande progetto unitario che, attraverso acquedotti e cisterne, collegava per 132 km Zaghouan, nel nord ovest della Tunisia alle terme di Antonino a Cartagine. Sebbene partisse da Ain Jouggar, il cuore e la testa del percorso erano proprio a Zaghouan, come testimoniano i resti del tempio delle acque dedicato al dio Nettuno, la cui cella d’onore era situata proprio sopra la sorgente.